martedì, maggio 14, 2024

Trail Backyard a Ternberg

Classico arrivo tra gli applausi,
a corridori già schierati
Il personaggio con gli occhiali da vista
è il vincitore della gara

La mia carriera di corridore da Backyard passa per il paese di Ternberg, dove si corre una tradizionale Backyard, però su percorso da trail. Sono 354 i metri di dislivello postivi, altrettanto quelli negativi, sul classico chilometraggio di 6.7 km (media max consentita:  9' al Km). In una splendida giornata, direi quasi estiva, mi porto in Alta Austria a due ore di macchina da Vienna. La sveglia suona al solito orario improponibile, ma tant' è, che il corridore nei suoi anni Best Age di notte non dorme molto. In compenso, vorrebbe farlo mentre guida e arrivare alla punzonatura con gli occhi aperti senza vedere le scintille del guard rail è già un'impresa. Bello questo posto in mezzo ad una splendida valle dell'Enns, appena dopo Steyr, che, assieme ad Umberto Smaila,  vantano una citazione nel film Jackie Brown di Tarantino. 

Dopo uno sguardo alla classifica dello scorso anno, dove il primo ha completato solo 16 giri, non posso certo fare sogni di passare diverse notti sul circuito di gara. Già cinque giri sarebbero un buon risultato. Dopo un sonnellino pre-partenza, il via alle 9 in punto per i 120 corridori iscritti alla gara. Parto, come al solito, nelle retrovie. Ad un certo punto chiedo alla ragazza che mi precede se conosce il percorso. Mi risponde di no e le chiedo se riusciamo ad arrivare in tempo al traguardo. Mi risponde di si, ma comunque fa lo stesso. Per me, però, non fa lo stesso e cerco di sveltire il passo. La salita è lunga e tutti quelli che riesco a vedere, camminano. Per la corsa aspettiamo la discesa, tanto c'è tempo. Però la discesa, a quanto pare, con tutta la pioggia degli ultimi due giorni, è un mare di fango, è tecnica e nasconde insidie ad ogni appoggio. Non mi pare il caso di rischiare una caduta qua in mezzo al primo giro e così procedo col passo del camminatore sulle uova. Una volta raggiunto il paese cambio passo. Uno sguardo al cronometro mi lascia di sasso: sono già a 57 minuti ed il traguardo non si vede ancora, nel compenso c'è una salita da percorrere. Esterrefatto taglio il traguardo del primo giro in  59':45", solo quindici secondi prima del cut-off.  Ho solo il tempo di riempire la borraccia che subito devo ripartire. Qui decido che devo cambiare strategia, ma non so in quale frangente del percorso posso incrementare il mio ritmo. Correre in salita? Potrei anche farlo, poi dopo tre giri posso anche già salire in macchina e tornare a casa. I pochi punti facili del percorso già li corro a ritmo maratona, mi rimane solo la discesa tecnica nel bosco, ma con le mie scarpe e lo scarso allenamento su questo tipo di percorso, rimango molto perplesso. Decido di cambiare le scarpe e di usare quelle con una suola più adatta al fango. Per questo, però, ho bisogno di almeno due minuti di margine al traguardo. Con qualche derapata riesco nell'intento fermando il cronometro del secondo giro sui 58':07". Un tempo appena sufficiente per riuscire a cambiare le scarpe e fare scorta di cibo. Le nuove scarpe le sento come due ferri da stiro ai piedi, però almeno in discesa sono molto stabili. Il cronometro del terzo giro è ancora impietoso, ma almeno vedo ancora il numero 58 dei minuti. Tutto sommato mi sembra di aver trovato un ritmo. Certo il margine d'errore che ho disposizione è praticamente nullo, ma mi sento tranquillo. Nel frattempo si è radunata una piccola folla molto festosa nei pressi dell'ultimo chilometro, appena finita la discesa tecnica. Ogni giro che passa, le facce degli spettatori sono sempre più incredule. Mi chiedono se farò ancora un altro giro. Rispondo certo e  la media sul giro diventa un 59' basso. Rifornirmi al traguardo con così poco tempo a disposizione è un'impresa, ma gli addetti al ristoro mi sono di grande aiuto.  Quanto vorrei cinque minuti tranquilli. Arrivare al traguardo quando tutti gli altri corridori sono già schierati per la ripartenza è una sensazione molto strana, in ogni modo sembrano tutti molto divertiti, me compreso. 

Passato indenne il quinto giro, al sesto mi sembra che tutto proceda ancora per il meglio. Il percorso diventa sempre più asciutto e il mio ritmo sembra molto preciso. Però, c'è sempre un però, alla fine della discesa un crampo alla coscia posteriore destra mi costringe a mollare la corsa. Non a lungo, però i secondi che ho di margine sono così pochi. Quando il crampo finalmente molla, riparto a tutta con un grande sprint. Il cronometro ufficiale dice che ho finito il sesto giro in 59':57". Appena taglio il traguardo sento lo speaker dire  che sono riuscito a finire la mia gara in tempo. Gara finita? Non penso proprio. Così, con ancora il fiatone, mi giro e riparto per il settimo giro senza rifornimento con nulla  da bere e da mangiare. In questi primi metri, invece di correre come al solito, però riesco solo a camminare. Piano per giunta. Una ragazza molto più avanti di me gira e torna indietro perché è stanca di continuare. Le chiedo se lo devo fare anch'io. Mi risponde che sono un matto. 

Con circa zero probabilità di finire il giro numero sette entro i sessanta minuti, procedo come se stessi grattando un grattino da venti euro coi simboli del pentapartito. Voglio lo stesso terminare il settimo giro. Nel tratto finale, in mezzo al pubblico festante, guardo l'orologio per la prima volta in questo giro, che, impietoso, segna già un tempo di 61'. Saluto per l'ultima volta queste simpatiche persone, che si concedono un brindisi in mio onore. Resisto alla voglia di unirmi a loro e proseguo del mio passo. Al traguardo arrivo in 66 minuti circa e questa volta non posso più ripartire, anche se lo volessi. Che gara!

La classifica finale si trova qui:  https://my.raceresult.com/252422/.

Dettaglio gara del mio orologio



Dettaglio sul giro:

Lap     START             FINISH     Backyard        chill time

1     (09:00:13)     09:59:48     59:45     00:14

2     (10:00:17)     10:58:10     58:07*         01:52

3     (11:00:12)     11:58:54     58:51     01:08

4     (12:00:14)     12:59:23     59:20               00:39

5     (13:00:16)     13:59:18     59:16     00:43

6     (14:00:11)     15:00:00     59:57     00:02








martedì, aprile 23, 2024

Maratona di Vienna





 

Suona la suoneria ad un orario che non è il solito. Si tratta solo di trovare lo slider che la stoppa. Mi alzo con gli occhi chiusi, ancora una volta ho pescato lo snooze. Lo devo portare con me quest'arcano, prima che riprenda a suonare, a disturbare, a rompere un silenzio pre gara, quello della concentrazione. Mi sposto in cucina e preparo la colazione. La colazione del maratoneta, di quello che sa di quante calorie ha bisogno, del carico sullo stomaco, del tempo digestivo. Sento il suono della bile che fuoriesce dalla cistifellea per imballare un toast tostato col cronometro manuale. Se per finire il burro devo spalmare un' altra fetta di pane, che male vuoi che sia? È l'ora della vestizione. Crema protettiva sui piedi. Vaselina sul torace. Una maglietta con sopra lo stemma del gruppo sportivo. Pantaloni compressivi. Attacco il numero con delle spille da balia, non sulla maglietta, ma sui pantaloncini. All'americana. Energia in formato gel nella tasche. Borraccia a mano di elettroliti. Maltodestrine D19 con estratti di baobab.  Non ho ancora pronunciato una parola e, a quest'ora, non sono ancora cosciente. Devo ancora calzare le scarpe, che posso ancora decidere di cambiare. Anche se la scelta l'ho già presa da tempo, queste qua nere, quelle degli ultimi allenamenti. Decisione semplice, anche perché ieri non ho comprato delle scarpe nuove. Esco con la bici verso la partenza, con il termometro che segna tre gradi. Raggiungo la zona dell'arrivo con le mani gelide, mentre un addetto mi dice che da lì non posso passare. Voglio solo posteggiare la mia bici, che riprenderò con la medaglia al collo, ma prima devo trovare la via. Forse per il parco. Le strade del centro sono già chiuse. Il tappetto azzurro dell'arrivo è già steso. Gli spalti vuoti sono pronti ad accogliere un pubblico numeroso. Festante. Non mi resta che salire sulla metropolitana, che mi porterà alla partenza della mia undicesima maratona di Vienna. 

Tempo di gara finale 3h:39':41", prima mezza in 1h:53', seconda in 1h:45'. Una di quelle gare in cui scrivo con piacere i dati cronometrici.










mercoledì, aprile 10, 2024

Backyard a Wagendorf: bollino 24!

Premio finale dopo 25 giri

Se lo scorso anno ero po' scettico sulle mie capacità di adattamento al tipo di gara della Backyard, ecco che, dopo la gara di sabato scorso a Wagendorf, in Stiria qui in Austria, le idee mi sembrano molto più chiare. 

Una preparazione che all'inizio dell'anno non mi ha convito, il debutto in una gara all'inizio di Aprile con pollini primaverili ai massimi livelli, 134 metri di dislivello positivo per giro e temperature alte fuori da ogni media stagionale, non mi hanno messo molto in sintonia per una prestazione da personal best. Quando mi hanno chiesto quale sarà il mio obbiettivo di gara, ho risposto che il mio personale è di 20 giri, conquistato in un buon momento di forma e in condizioni ambientali a me favorevoli. Quindi mi sarei accontentato di una gara priva di errori e di un buon allenamento in vista delle gare successive. Non credo che la Backyard sia una gara da preparare tutto l'anno per poi, in un singolo tentativo, puntare al massimo. Meglio usarle anche per allenamenti e crescere di condizione. Troppe le variabili in gioco e quasi nulla la possibilità di recuperare gli errori fatti prima e durante la gara.

Non sono mai stato a Wagendorf e senza questa gara, probabilmente, non ci sarei mai stato. È un piccolo paese incastonato nelle colline della Stiria ad un'ora e venti di macchina da Vienna. Il ritrovo sotto il capanno della società locale di "Birilli sul ghiaccio", variante meno commerciale del Curling, che è arrivato fino alle olimpiadi, ma probabilmente un'attività con un più alto tasso alcolico durante le partite, tanto da rendere le pareti laterali superflue. Quando appoggio la mia borsa accanto alla sedia, mi sembra ancora di sentire i bicchieri di grappa che si alzano dopo il lancio di un disco sulla pista ghiacciata. Non posso non ricordare i tempi in cui frequentavo tutti i bocciodromi dell'Emilia e della bassa Mantovana nel cercare di far valere, inutilmente, il mio stile di gioco.

L' aria che respiro non è quella dei bei tempi, ma è quella primaverile che mi fa star proprio male. Un tizio mi vede arrivare con la mia enorme scatola di alimenti e liquidi e non può fare altro che chiedermi quanti giri abbia intenzione di correre. Gli rispondo che probabilmente dopo un giro me ne tornerò a casa. Mi saluta con una risata. La gara parte puntualissima alle nove del mattino e non ho niente da ridere. A metà del primo giro decido che sarebbe meglio davvero tornare a casa, invece di stare a qui, a perdere del tempo, a respirare male anche quando cammino. 

Il secondo giro, invece, mi mette in pace con la gara. Le mongolfiere sull'orizzonte cominciano a scendere, il che vuol dire che ormai la rugiada è salita tutta e i miei polmoni possono funzionare di nuovo normalmente. Il passaggio nel bosco, per fortuna, è composto della maggior parte di alberi a me amici (famiglia degli abeti) che è di un numero molto superiore a quella delle betulle, che di solito mi piegano in due senza pietà. 

La mia tattica di gara è sempre quella che più prediligo: partire in fondo a ritmo costante, passaggi camminati predefiniti nei punti più impegnativi in salita e arrivare al traguardo intorno ai 52 minuti. Un collega sembra avere lo stesso obbiettivo cronometrico, solo che parte pianissimo, poi accelera e alla fine frena per arrivare appena dietro di me. Mi piace vedere diverse interpretazioni della gara e quelle che poi vorrei imitare, sono quelle che poi alla fine ottengono dei risultati. Il collega sembra molto convinto della sua tattica ed ogni tanto mi incita forse credendomi in difficoltà. Dopo qualche ora mi chiede quanti giri ho intenzione di fare. Anche se c'è un sole cocente, non voglio legarmi ad un risultato fisso, così rispondo con un salomonico ancora un giro, che è una risposta che va sempre bene. Alla domanda se ho intenzione di arrivare a correre i cento chilometri, dove dovrei fare la divisione per 6,7 per stabilire quanti giri ancora mi dovrebbero rimanere, rispondo che non ho capito la domanda. Anche perché nelle tre Backyard precedenti che ho corso, non sono mai stato sotto i 114 km.

All'undicesimo giro, quando si accendono le lampade, il mio socio di coda del gruppo si ammutolisce e perde la parola, anche se continua con la sua tattica fatta di tira e molla. Quattro giri dopo suona la campana di fine gara, guarda caso, proprio ai 100 km che, ora apprendo, sono 15 giri. Nel frattempo trovo la compagnia di qualcuno molto stabile sul mio ritmo, così che scambiamo qualche impressione. Mi dice che in questo sedicesimo giro finirà la gara, perché è andato oltre ogni previsione, non gli fa male nulla e, secondo lui, è il momento adatto per smettere. Gli rispondo che una condizione del genere capita molto raramente e poi va a finire, che si rimpiange la scelta fatta. Parlo per esperienza  diretta, naturalmente. Cerco di convincerlo, anche perché il suo ritmo mi aiuta a continuare nella notte in compagnia. Però non si smuove dalla sua decisione e al traguardo suona la campana della fine della sua gara tra gli applausi del numeroso pubblico. 

Ormai è notte fonda e mi trovo molto bene. Le temperature sono calate e posso andare con un ritmo costante. In fondo al gruppo mi rimane sorprendentemente dietro il vincitore della gara, uno dei due rappresentanti austriaci nello scorso mondiale in USA. Siccome è anche un organizzatore della gara, gli chiedo se sta facendo da scopa. Sorride e mi risponde che no, sta solo provando delle situazioni differenti di gara con tempi sul giro molto alti o al limite dei 60 minuti. La facilità con cui, poi, riesce a colmare i gap è impressionante.    

Una menzione particolare la merita il pubblico di questa gara. Saranno le alte temperature o che la stagione dei "birilli sul ghiaccio" è finita prematuramente, questa notte c'è il pubblico della grandi occasioni, che vuole fare festa e scacciare la calura a colpi di boccali di birra. Ogni volta che arrivo al traguardo è un brindisi. Quando poi mi alzo dalla sedia per partire per il giro successivo all'ultimo secondo, è una standing ovation. La carica che ricevo è impressionante. 

Per quanto mi riguarda, la notte sta per finire e mi devo mettere chiaramente in testa dove voglio e posso arrivare. Le ventiquattr'ore mi sembrano, dopo tre tentativi, finalmente alla portata. Se però voglio andare oltre il mio decimo posto attuale, di giri sotto il sole ne dovrò fare molti. Mi guardo le braccia che sono viola e anche il sole delle otto del mattino già mi da fastidio. È chiaro che  il colpo di sole è dietro l'angolo e non posso rischiare. 

Al ventiquattresimo giro noto che cinque corridori smettono la gara e la voglia di conquistare cinque posizioni con un giro ulteriore è troppo grande. Al via del venticinquesimo giro siamo solo in cinque. Di solito venivo staccato subito e rimanevo dietro, spesso solo, fino al termine del giro. Questa volta, invece,  proseguiamo tutti assieme, ma, sorpresa, al mio ritmo. Evidentemente, a questo punto, comincia tutto un altro tipo di gara, fatto di bluff, finte e cercare di capire come stanno gli altri corridori. Termino il mio venticinquesimo giro in 53', un ottimo tempo che rispecchia la mia buona condizione di gambe. Ma ormai la decisione l'ho presa e appena tagliato il traguardo corro subito a suonare la campana prima che cambi idea. Sono le dieci del mattino di domenica, i chilometri percorsi sono 167,650, le ore impiegate 25, il dislivello positivo di 3350m e solo altri 4 corridori su 152 iscritti hanno fatto meglio. 

Il vincitore della gara mi dice che proprio non se l'aspettava che suonassi la campana. Gli spiego la situazione, che ho troppa paura di un colpo di sole e non mi posso proteggere. Un classico errore che ho fatto prima della gara e che non sono più riuscito a correggere. Però ci saranno altre gare. Se ultimamente non riuscivo a trovare troppe motivazioni nel partecipare a gare che diventano man mano sempre più difficili da preparare, le Backyard mi hanno dato un grande slancio verso i prossimi appuntamenti.  

La classifica finale si trova qui.

 



Il sole picchia forte



Notte fonda

Arriva la notte

Dopo 24 ore di gara


Nel bosco

Incrocio con chi è avanti di 3'

Passaggio al Km 2,5

"Mantenere la velocità" sulla discesa finale o
salita iniziale


Splendido tratto di bosco

Prima del via sulla pista dei "birilli sul ghiaccio"



sabato, marzo 16, 2024

Preparazione

 La maratona di Vienna è ormai alle porte (il via il prossimo 21 aprile) e, come ogni anno, la mia preparazione procede tra alti e bassi. Per altro come può procedere un allenamento targato stagione numero 15? Un mix tra overtraining e mancanza di motivazioni? Il classico stava procedendo tutto bene, ma? Oppure no, questa volta viaggia tutto secondo tabella, non salto un allenamento e il mio personale sulla maratona ce l'ho ormai in pugno? 

Per trovare una risposta a questi quesiti, il 7 aprile, due settimane prima della maratona,  ho deciso di effettuare il mio debutto stagionale nella specialità della Backyard, che ai fedeli di questo spazio non devo proprio spiegare di cosa si tratti. Per gli altri, invece, che probabilmente si saranno persi sul mio canale Tik Tok, non credo siano necessarie maggiori spiegazioni. 

Sulla Backyard sono sempre del parere di essere un concorrente incompreso, quello delle potenzialità, ma mai espresse. Penso che non farò fatica a continuare in questo ruolo. 

Se nella Backyard la storia è tutta da scrivere, nella maratona mi sembra d'interpreatare un copione già scritto e consumato più volte. Rimane sempre, però, il piacere di correre la maratona della città e tutto il clima di festa che l'accompagna. Messe da parte le belle speranze, la realtà delle sessioni di allenamento attuali, dicono che per il gruppo due del martedì al Prater, di strada da fare ce né ancora tanta e il tempo è poco.

Per finire, non mi sembra che la stagione numero quindici sia iniziata in modo molto differente dalle altre e, per questo, già da ora, tutte le mie speranze sono ormai rivolte alla  sedicesima nella quale non mancherò di!

domenica, gennaio 07, 2024

Propositi per il 2024

Archiviato il duemila e ventitré ecco che è arrivato il 2024 pieno di buoni propositi. Normalmente, alla fine della stagione, scrivo un post dedicato per rivisitare l'anno podistico appena trascorso. Penso però, che arrivato ad una certa età, o  meglio maturità, forse sia meglio che guardi prettamente avanti. Non che l'anno appena passato sia stato scarso, anzi, ma sto notando una mia tendenza a guardare troppo indietro, a scapito di liberare nuove energie per raggiungere risultati futuri, che mal si confronterebbero con quelli passati. 

Se la mia motivazione per il 2024 fosse quella di migliorare la mia prestazione in qualsiasi competizione, confrontandola per esempio con gli anni passati, potrei smettere anche subito. Ci sono, invece, altre ragioni che entrano in ballo, soprattutto sociali. Uno potrebbe far notare che non serve attraversare tutta la regione Vallese in sei giorni per vivere un momento di socialità.  Questo è vero e in effetti i motivi sono anche altri. Probabilmente è lo stato in cui mi lasciano queste competizioni quando le preparo e poi quando le riesco a portare in fondo a far sì che continui a prendervi parte. Per questo tendo a partecipare quasi sempre alle stesse gare, anche se il quasi è qui fondamentale. 

Detto questo vediamo come sarà il mio 2024. Prima di tutto partirò sotto i colori di un nuovo gruppo sportivo. Dalle ceneri dei "Freunde des Laufsports Austria" è nato il giovane STS "Sport Treff Schüttel", che mi accompagnerà nelle prossime stagioni. 

La fase invernale sarà dedicata principalmente alla preparazione della maratona di Vienna del 21 aprile, spero, però, con ispirazioni di trail. 

Poi passerò ad una fase in cui mi dedicherò alle Backyard, dove affronterò tre gare in tre mesi: il 06 aprile a Wagendorf/Oststeiermark, il  09 maggio a  Ternberg e il 29 giugno a Frankenmarkt. La gara alla quale vorrei puntare è quella di fine giugno, mentre le altre due saranno di preparazione. Difatti quella del 6 aprile è prima della maratona di Vienna e non avrò certo delle gambe da ultra.

La terza parte sarà dedicata al trail.  Il 01 settembre sarò di nuovo in Svizzera per lo Swiss Peaks 360, alla quale seguirà il classico Wien Rundumadum la prima settimana di novembre. 

Queste sono le gare alle quali sono già iscritto per il 2024 e che, credo, mi terranno impegnato per tutta la stagione



mercoledì, novembre 08, 2023

WRU numero 10 da leggenda

 

Arrivo dopo 130km

Anche quest'anno sono al via del Wien Rundumadum, il giro attorno alla città di Vienna. Il meteo è ideale per correre e la giornata è splendida. Il via è sempre troppo presto, quando è ancora buio e la sveglia suona alle tre del mattino. Sulla metropolitana incontro chi ancora deve andare a letto, ma alla fine ritrovo un paio di corridori. Niente a che vedere con la massa che raggiunge la partenza della maratona di Vienna, però, casualmente, la stazione è la stessa.  Alle 5:30 il via per un'inaspettata partenza in prima fila. Partire così davanti è bello per le foto iniziali, ma poi bisogna convivere col fatto che si viene superati da diversi corridori. A me non preoccupa più di tanto e proseguo del mio ritmo. Quest'anno mi sono equipaggiato di bevande isotoniche e gels per vedere se riesco a correre meglio in quanto, nelle precedenti edizioni, ho sempre preferito un cibo solido per evitare mal di stomaco. Le temperature sopra la media di questo periodo fanno si che le fontane dell'acqua siano aperte lungo tutto il percorso e così non ho bisogno di fermarmi necessariamente ai primi due ristori. Una procedura che mi fa recuperare diverse posizioni e che mi da l'illusione di correre come ai bei tempi. Verso metà percorso, però, comincio ad avere problemi di mal di pancia. Mi rallentano non di poco e devo anche effettuare una sosta non prevista che sembra risolutiva. Riprendo, ma non ritrovo la velocità di prima, però riesco sempre a correre. Al quarto e quinto ristoro mi concedo una pausa con un po' di minestra, che mi rimette in sesto, anche se le gambe nelle poche salite rimaste non sembrano performanti come gli scorsi anni. In compenso viaggiano molto bene sull'asfalto pianeggiante. All'ultimo ristoro intravedo un possibile concorrente e quando si ferma per rifornirsi, proseguo diritto come ho fatto nelle ultime due edizioni guadagnando una posizione. Evidentemente il mio fisico ha voglia di fare bene e negli ultimi sette chilometri finali riesco anche a migliorare di altre due posizioni. Il tempo finale ufficiale è di 15h:31', anche se la foto sopra a sinistra indica qualche secondo in meno, per la tredicesima posizione finale. Per un posto nei primi dieci quest'anno avrei dovuto correre sotto i 14h:40', un tempo che, in dieci edizioni, sono riuscito a battere solo due volte. La classifica finale si trova qui.

Una volta tagliato il traguardo, largo ai festeggiamenti dove ricevo la sorpresa del premio speciale riservato a quelli che hanno terminato  tutte le dieci edizioni fin qui disputate. Lo stato acquisito ora è: WRU Legende! 

Ecco il dettaglio di tutte le mie 10 edizioni (5 volte nelle 15 ore, 3 nelle 16, 1 nelle 14 e 1 nelle 13):

Anno    Tempo    Posizione

2014    15h:28'    13

2015    14h:36'    9

2016    16h:39'    25

2017    13h:35'    5

2018    15h:25'    10

2019    16h:18'    18

2020    16h:16'    11

2021    15h:13'    10

2022    15h:46'    10

2023    15h:31'    13


Si parte

Partenza

I primissimi chilometri

Metà percorso al ristoro personale
vicino casa

Riconoscimento "Leggenda"

I tre corridori che hanno completato tutte 
e dieci le edizioni

Premiazione speciale





mercoledì, novembre 01, 2023

WRU pronto a partire

Segnale sul percorso

Si avvicina il mio ultimo appuntamento stagionale con le gare ultra. Il WRU, il giro attorno alla città di Vienna, è approdato alla sua decima edizione. Partenza sabato 4 Novembre alle ore 5:30 qui a Vienna.

Il live della gara si trova su https://wien-rundumadum.legendstracking.com/