martedì, settembre 15, 2020

Next Race

 La prossima corsa? Adamello 170.

Non sarà la mia prima volta, ma della mia partenza 2020 ci crederò solo pochi istanti prima del via. 

Fino a qual momento è solo l'immaginazione che percorre tutta la traccia della 170. Mai come quest'anno il passaggio più difficile è poter raggiungere la linea di partenza e sentire, finalmente, lo speaker contare "3-2-1 via, buon viaggio".

Per chi vuole assaporare l'idea del tramonto del primo giorno al Rifugio Bozzi, il passaggio tra le fiaccole al Passo dei Contrabbandieri, la solitudine della notte alla Città Morta, il gradiente del Corno d'Avola, il calvario del Monte Calvo, i gradoni verso Aviolo, la frana giù verso la Malga Stain, lo strazio su per la  Malga Mola e la picchiata liberatoria dal Pianaccio su Vezza D'Oglio, può dare un'occhiata alla traccia della gara su https://livegps.setetrack.it/Home/IndexMapset?mapset=aut170k2020# 

Il link sarà anche il Live della gara il prossimo 2 ottobre.


Non sempre è chiara la via, questa volta verso
la partenza

Tramonto da sogno sul Rifugio Bozzi


lunedì, settembre 07, 2020

Hoch Wechsel Trail

Finalmente sono tornato a correre un Trail con il pettorale attaccato alla maglia. Una sensazione che mi mancava dall'inizio dell'anno. Non tutto è andato liscio, ma le sensazioni che ho provato in gara non sono state affatto male. 

 A tre settimane dal via dell'Adamello, quasi sette ore di gara sono state un ottimo banco di prova. L'Hoch Wechsel Trail è una gara alla quale non avevo mai partecipato. Il percorso è molto vario e si snoda in diverse fasi. 

La prima è quella porta fino in cima all'Hoch Wechsel, a 1735 metri di quota, partendo da Kirkberg ai 581m. Una salita lunga 15,5km che presenta diversi tipi di pendenze, senza però mai mollare. Per le condizioni di terreno e di collocazione, penso che sia la parte più facile da gestire. 

Una volta arrivati in cima, comincia una fase ricca di saliscendi con fondo molto vario e sconnesso. Un misto prato roccia fatto apposta per distorcere la caviglia e inciampare. Qualche lampo di discesa ripida e sconnessa per poi arrivare su una forestale in leggera salita ammazza gambe. Il tratto finisce in una ripida discesa su fondo roccioso molto sconnesso. 
Questa, tutto sommato, è stata la parte dove decisamente sono andato meglio. 

Il caldo, però, non mi ha dato tregua e dei fastidiosi crampi mi hanno assalito. Una condizione molto simile a quello provata al Trail del Salame nel giugno 2017. Da questo punto non ho più potuto spingere e quando l'ho fatto, sono poi caduto inevitabilmente in discesa. Chi abbandona una gara per via dei crampi ha tutta la mia comprensione. 

 La terza parte comincia con una contro-salita con dei gradienti non indifferenti in pieno sole e  in mezzo ad una folta vegetazione. Qui ho dovuto aggiungere una breve pausa non prevista per poter tornare a respirare normalmente. Non sono decisamente queste le condizioni in cui i miei polmoni danno il meglio di se, e certi vegetali non mi danno scampo. 

Però, una volta terminata la salita, il resto è scorso via molto facilmente. Per ultimo, dopo aver passato il paese di St. Corona, ci sono stati cinque chilometri di discesa molto facili, che mi hanno invitato a testare, inutilmente, la mia tenuta coi crampi. 
 Più che altro qui bisogna stare attenti alla navigazione, in quanto è molto facile seguire un corridore davanti che sta sbagliando strada. 

Dopo 6h:49' ho terminato i 44,8km (2184 D+) previsti concedendomi una po' di relax sul prato dell'arrivo davanti ad un ottimo rinfresco finale. 
La posizione è 29-emo di categoria, in piena sintonia col pettorale numero 29. 
Per finire, l' Hoch Wechsel Trail è sicuramente un'esperienza  da ripetere.

Arrivo

Intorno al km 30







Appena partiti