martedì, giugno 28, 2016

Veitsch 2016

In azione sul Teufelsteig
Come lo scorso anno sono qui sulla frontiera del monte Veitsch per completare l'abbinata Mozart -Veitsch in una settimana. Questa volta ho delle sensazioni migliori, anche se i problemi che ho avuto a Salisburgo alla gamba sinistra non sono del tutto scomparsi. Con Michele arriviamo in tempo per ritirare il pettorale e scattare una foto prima della partenza. Quest'anno è la trentesima edizione della gara e i partecipanti sono numerosi. Con un sole quasi prepotente partiamo alle nove in punto, il mio obbiettivo di giornata è quello, oltre  terminare la gara di 54km e 2200 metri di dislivello, quello di correre più possibile in salita. Nella prima sezione mi riesce a meraviglia, ma alle prime discese comincia a darmi fastidio qualcosa nella coscia posteriore, è il riaffiorare dei problemi sentiti la settimana scorsa a Salisburgo.
Al primo passaggio di consegna della staffetta mi ritrovo con un ottimo tempo intermedio ma con le gambe usurate. Così cambio strategia e da qui in avanti cerco di prenderla comoda, ma il dolore diventa sempre più insopportabile. Sul plateau del monte Veitsch la crisi diventa preoccupante, mentre la corsa è solo un bel ricordo, anche il passo diventa problematico con numerosi inciampi e la difficoltà di alzare la gamba sinistra. Mi chiedo se valga ancora la pena continuare, se sia arrivato finalmente il momento di accettare il primo DNF della carriera. Con uno degli ultimi tempi intermedi di sezione, arrivo al secondo passaggio di consegne della staffetta, il posto adatto per staccare il pettorale dalla maglia.Qui sorprendentemente ritrovo la compagnia di Michele, dove anche il suo trail di Zugspitz  della settimana scorsa non sembra così ben digerito.
Nel terzo e ultimo tratto il tipo di terreno cambia e così provo a continuare. In effetti la discesa nel bosco su terreno morbido non è dolorosa e  ritrovo fiducia. Che però i problemi non siano svaniti nel nulla, me ne rendo conto quando mi trovo sul piano delle forestali, ma ormai non vedo più nessun ostacolo per raggiungere il traguardo. Traguardo che taglio in solitaria dopo 6h:48' con grandissima gioia e per la prima volta mi sento di baciare il terreno dell'arrivo.  La classifica finale si trova qui.

In difficoltà
Pronti per partire

domenica, giugno 19, 2016

Mozart 100

Al secondo ristoro
Era da un po' di tempo che aspettavo quest'appuntamento per la mia seconda presenza a Salisburgo per partecipare alla Mozart 100, quest'anno con un tracciato leggermente modificato rispetto allo scorso anno, un po' più lungo e duro. Per l'occasione ho sfoggiato il mio nuovo vestiario, acquistato apposta (attenzione, non rientra nel materiale obbligatorio) per partecipare alla gara nella città di Mozart, una sorta di copia del vestito tradizionale ma di un materiale adatto alla corsa.
Quest'anno il meteo è stato molto differente, con uno splendido sole che nel pomeriggio ha lasciato spazio ad un piccolo temporale, ma niente di paragonabile al diluvio dello scorso anno. Tra le chiacchiere tra i soliti ultras e foto, è arrivata in un attimo l'ora di partire, le cinque del mattino, per i classici due giri nei dintorni delle città, con un totale di 104km e 3000 metri di dislivello positivi.
Quest'anno ho scelto una tattica molto semplice a livello teorico, vale a dire correre su ogni salita e andare tranquillo del mio passo in pianura e discesa. Già dall'inizio mi sono sorpreso della facilità di corsa in salita, mentre sono rimasto un po' perplesso sul mio ritmo sulle strade asfaltate pianeggianti. In ogni modo, la parte nuova del percorso, un misto di sentieri abbastanza impegnativi, mi ha entusiasmato. Forse un po' troppo, perché il quadricipite posteriore sinistro si è malmesso, un infortunio che conoscevo solo nei miei trascorsi calcistici. In ogni modo il primo giro l'ho concluso con un buon ritmo e magari un po' troppo brillante, anche se per due volte ho sbagliato strada per aver interpretato male i segnali (tre frecce nella direzione giusta e una in quella sbagliata, ho visto solo quella; una freccia che indicava dritto, l'ho interpretata come andare su in alto).
Nel secondo e più impegnativo giro, teoricamente si trattava di ripetere lo stesso ritmo, cosa che mi è accaduta fino ad un certo punto. Il sole e muscolatura hanno cominciato a farsi sentire, ma pensare di farsi più di dodici ore di corsa senza problemi è un po' come chiedere la luna. Così, al primo incontro ravvicinato con il lago Fuschl, quasi tutte le salite lasciate alle spalle, non ho resistito alla tentazione ed ho fatto un bel bagno rinfrescante. Esperienza che mi ha rimesso in carreggiata, bissata pochi chilometri dopo al ristoro della cittadina Fuschl am See.
Col secondo passaggio al circuito automobilistico è arrivato un temporale, il quale mi aspettavo più rinfrescante, invece, oltre a rendere l'asfalto viscido, mi ha creato qualche problema respiratorio. All'ultimo ristoro alle porte della città sono arrivato bello cotto, ma carico di speranze in quanto il percorso era ormai abbastanza agevole. Invece, appena uscito dal ristoro, non sono più riuscito a correre, almeno fino a quando i gels presi per disperazione non hanno cominciato a fare effetto. Così, sui ripidi gradini della montagna cittadina a due km dal traguardo,  ho provato ad andare a tutta, compreso un paio di scivolate sulla scalinata della discesa finale. Sforzo che a grandi linee ha avuto la stessa utilità della crema solare per i cani.
Comunque nel centro storico di Salisburgo ho poi avuto il tempo per tornare ad un ritmo ragionevole, salutare personalmente almeno due terzi dei turisti in piazza e tagliare il traguardo prima che iniziasse la seconda partita dell'Europeo di giornata.
12h:34' il tempo che ho impiegato per la 22-ema posizione generale, subito immortalato da una bella foto con tanto di cornice che è stato il regalo, oltre alla medaglia, per tutti i finisher. La classifica finale si trova qui.

Per concludere. Alla fine non ho potuto non ringraziare gli organizzatori della Mozart100 che hanno tolto, seppure per un giorno, il centro storico di una città come Salisburgo ai turisti per consegnarlo nelle mani di corridori ultra, che magari sono abituati ad andare nei posti più improbabili per trovare un po' di tranquillità in mezzo la natura o passare qualche ora girando intorno.


Incitamento personale per attraversare la strada

Punzonatura




giovedì, giugno 09, 2016

Mozart100 pronti al via

Dalla pagina FB Mozart100
Tutto è quasi pronto per la mia seconda partecipazione alla Mozart100, in quei di Salisburgo, il prossimo 18 giugno.

Per scaldare i motori, ho scelto una breve gara di rifinitura a Siegenfeld per il tradizionale Wappenlauf.
Gara che si è allungata rispetto agli anni scorsi e che quest'anno ha presentato l'insidia del terreno bagnato.
Ho provato il nuovo abbigliamento in versione Mozart e con una 27-ema posizione finale in 51':28" posso dire che tutto è ormai pronto per Salisburgo.

Sul Wappenlauf